Concorsi vinti dai parenti degli amministratori, quando la politica perde di credibilità.

“Ma secondo voi la famiglia Allocca è grossa assai a Somma Vesuviana? No perché non vorrei che dopo l’assunzione di sua nipote il sindaco avesse ancora altri familiari da piazzare al comune!”. Battute a parte qui il fatto è piuttosto serio e coinvolge tutti, forze politiche (o ciò che ne rimane), cittadini ed associazioni in una riflessione: è opportuno che la nipote dell’attuale sindaco Raffaele Allocca detto Ferdinando, già operante nella sua segreteria di palazzo Torino, partecipi e vinca un concorso pubblico, indetto proprio dall’amministrazione guidata da suo zio, per un posto a tempo indeterminato da istruttore amministrativo al comune di Somma Vesuviana? Chi bazzicca un pochetto la politica cittadina (ed il cosiddetto marciapiede visto che in questi 5 anni di attività se ne sono viste ben poche nelle sezioni dei partiti) sa che da tempo, dopo le preselezioni e le prove scritte, i maligni davano per vincitrice la giovane. Poi in mezzo ci sono state le non chiarissime dimissioni del “Maggiore” Vincenzo Di Palma, responsabile dei vigili urbani sommesi, mai spiegate fino in fondo né da lui né da chi in quel posto chiave ce l’aveva messo: il sindaco Raffaele Allocca (qualcuno riconduceva le dimissioni al fatto che il figlio di Di Palma quel concorso non l’avesse vinto). Infine quel punteggio alla prova orale (29)  che le ha permesso di vincere il concorso. Ora la determina (la n.115 del 25/03/2013) con la quale la giovane, che i più dicono piuttosto preparata, è stata definitivamente assunta. Ecco, alla fine di questa storia, per sgomberare il campo da ogni equivoco, magari l’amministrazione potrebbe pubblicare in forma chiara e dettagliata chi ha esaminato i concorrenti. E magari potrebbe anche smentire, come i soliti cattivi maligni affermano, legami di sangue tra qualche esaminatrice ed ex assessori della giunta Allocca. In nome di quella trasparenza invocata da tutti ed annegata da tempo nel mare di silenzio ed insipidezza  che circonda l’isola partitica cittadina.

L’Aforisma: “Meritocrazia: sistema sociale in cui la distribuzione di riconoscimenti e compensi è commisurata al valore della raccomandazione di ognuno”. G.S. “Finché c’è non c’è speranza”.

Colonna Sonora: Locked Out of Heaven- Bruno Mars

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter