Governo Di Sarno a casa, minoranza pronta a firmare sfiducia, manca però il sì del Pd

I titoli di coda dell’amministrazione Di Sarno sono stampati sui fogli di dimissioni dei consiglieri comunali. Vincenzo Piscitelli di Forza Italia; Giovanni Bianco e Pasquale Piccolo per l’Aurora; Luisa Prisco, Raffaele Angri, Vittorio De Filippo ed Antonio Parisi di Lista Cuore; Costantino Beneduce di Noi Sud; Pasquale Auriemma di Somma Domani; Alfonsina Stanzione di Progetto Somma e Antonio Mocerino dell’Udc. Undici consiglieri, tutti di minoranza, ad esclusione di Costantino Beneduce, sono dunque pronti a staccare la spina al governo Di Sarno. Al momento mancano solo le firme di Forza Campania e del Partito Democratico. Giuseppe Auriemma e Giuseppe Cimmino, secondo indiscrezioni, si sarebbero riservati di prendere la decisione solo dopo le primarie. Al momento, se non dovessero firmare davanti al notaio e quindi sfiduciare formalmente il centrodestra, manterrebbero in vita l’esecutivo che fu dello scomparso Raffaele Allocca. In caso contrario invece gli 11, che starebbero preparando una lettera al commissario della sezione democratica Giuseppe Esposito per chiedere l’adesione del Pd all’azione, sarebbero disposti a cambiare strategia e a dimettersi dal seggio per far subentrare i primi non eletti dei rispettivi partiti e movimenti. Quest’ultimo passo non manderebbe a casa l’amministrazione, ma a quel punto isolerebbe il Pd  che dovrebbe spiegare ai propri elettori, durante questa calda fase delle primarie, del perché tenga in piedi, mantenendo il numero legale, l’amministrazione Di Sarno.

somma-vesuviana2

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter