Somma Vesuviana, Allocca cede agli "indiani" ed azzera la sua Giunta.

Somma Vesuviana. Alla fine sembrerebbe che il sindaco Raffaele Allocca cederà il passo agli “indiani” assaltatori della sgangherata diligenza sommese. Secondo indiscrezioni infatti il primo cittadino sarebbe pronto a fare marcia indietro sulla nomina degli assessori e si direbbe pronto ad azzerare tutto, proprio come richiesto dalla fronda interna composta da Giuseppe Di Palma, Giuseppe Sommese ed il neo presidente del consiglio Antonietta Esposito. Al momento mancano ancora conferme ufficiali, ma Allocca avrebbe deciso, insieme ai suoi stretti collaboratori, di cedere alle istanze dei tre “dissidenti” di Forza Somma che protocollarono il documento di richiesta di azzeramento il 17 settembre scorso. Alla base dei mal di pancia dei consiglieri la richiesta di un “peso specifico” maggiore nell’esecutivo varato dal primo cittadino. Secondo i bene informati l’atto di Allocca, nuovo per certi versi a questi diefront così rumorosi, non sarebbe solo l’ultimo tentativo di mantenere in vita un terzo mandato nato sotto una cattiva stella, ma sarebbe anche una manovra di aggiramento per logorare, affidandogli maggior “potere decisionale”, i dissidenti. I quali, bisogna ricordarlo, hanno perso per strada l’altro consigliere di Forza Somma Luisa Prisco ritornata sui propri passi dopo l’appoggio a Di Palma e Sommese. Ma il governo di Allocca era stato al centro delle polemiche qualche settimana fa anche per la nomina ad assessore alla Cultura di Angela Carcarsio. Da un lato c’era chi non aveva digerito che il neoassessore provenisse da Sparanise, dall’altro c’erano i componenti di Noi Sud irritati dal fatto che la nomina non fosse espressione del movimento candidatosi alle ultime elezioni a sostegno di Raffaele Allocca, ma di Costantino Beneduce che di Noi Sud è l’unico rappresentante in consiglio comunale. Ora Allocca potrebbe rimettere tutto in gioco e ridefinire i precari equilibri della sua maggioranza logorata da anni di “assolutezza decisionale” del primo cittadino e da una partita per la successione alla carica più alta di Palazzo Torino che vedrebbe al momento in prima linea tra le fila degli allocchiani proprio Giuseppe Di Palma, Antonio Granato e Salvatore Di Sarno.

Musiche: “Sono solo canzonette” Eduardo Bennato

Aforismi: “Gli indiani inseguono una cosa finché credono di averla inseguita abbastanza, poi la piantano. Lo stesso succede quando fuggono: non si rendono conto che ci possa essere qualcun altro che continua a inseguire la sua preda. Quindi la troveremo alla fine, te lo prometto, la troveremo: questo è sicuro come il sorgere del sole”. J.W.

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter