Somma Vesuviana, oramai nel centrodestra è un tutti contro tutti.

Somma Vesuviana. Oramai è scontro campale nel centrodestra sommese. Indiani contro lealisti (leali al sindaco Raffaele Allocca, lontano dalla politica perché impegnato nella sua battaglia più difficile, quella contro la sua malattia) forzisti contro resto del mondo con in mezzo un’amministrazione piuttosto debole tenuta insieme più da una voglia di tessere tele per le prossime elezioni che non da una visiona d’insieme per il bene comune dei cittadini. Ma andiamo con ordine. Chi sta spingendo il piede sull’acceleratore sono gli indiani Giuseppe Di Palma, Antonietta Esposito Giuseppe Sommese e Pasquale Auriemma, la new entry del gruppo. Secondo gli spifferi di Palazzo infatti nelle mire del gruppetto ci sarebbero Ambiente e Lavori Pubblici, core bussiness, insieme alle Politiche Sociali gestite però dai Granato, dell’attuale amministrazione Allocca. A difendere lo sgarrupato fortino di Palazzo Torino il consigliere  Vittorio De Filippo il quale, secondo una fonte ben accreditata, avrebbe avuto qualche giorno fa un alterco piuttosto acceso con una frangia degli indiani proprio sulla questione dei Lavori Pubblici. Ma il centrodestra è in fermento anche per altre ragioni che riguardano Napoli, ma di riflesso anche Somma Vesuviana. E’ nato infatti il gruppo Forza Campania di cui fa parte tra gli altri il consigliere regionale Paola Raia. E proprio la nascita del nuovo soggetto politico sgombrerebbe il campo dall’ipotesi di un ticket tra lei ed Antonio Granato. La prima infatti resta una fedelissima di Nicola Cosentino, il secondo invece un cesariano di ferro, a maggior ragione dopo la nomina di Domenico De Siano, altro uomo legato a Giggino à Purpetta, a coordinatore regionale di Forza Italia. Altro elemento di Forza Campania è Massimo Iannicciello, collega di scranno della Raia a Palazzo Santa Lucia, il quale, raccontano le cronache, avrebbe stretto rapporti con Celeste Allocca, figlio dell’attuale primo cittadino. Quindi al momento emergerebbero nel centrodestra sommese almeno tre diverse correnti: uno farebbe capo ad Antonio Granato, l’altra a Paola Raia e l’ultima raccoglierebbe l’eredità politica di Raffaele Allocca. Oltre a loro ci sarebbero poi le correnti degli indiani e quella di Salvatore Di Sarno, vicesindaco della cittadina ai piedi del Monte Somma. Insomma una Babele frutto degli scossoni e delle lotte intestine nell’ex Pdl nella quale di politico sembrerebbe esserci ben poco.

Aforismi: Un italiano è un latin lover, due italiani sono un casino, tre italiani fanno quattro partiti. Beppe Grillo.

Musiche: Mumford & Sons – Babel

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter