Somma Vesuviana, sospeso il mercatino rionale

Somma Vesuviana, sospeso il mercatino rionale

  • Di seguito riportiamo l’ordinanza:
  • In data 27.01.2014, con pr. n. 1284, il locale Comando di Polizia Municipale trasmetteva rapporto dettagliato anche da accurato report fotografico sullo stato dei luoghi in area di mercato settimanale, alla via S. Sossio e ciò a seguito di sopralluogo operato dal medesimo Comando in pari data, in cui si riscontrava quanto segue:
  1. 1.      … la pavimentazione dell’area si presenta con buche e sconnessioni che rendono poco agevole il posizionamento dei mezzi degli operatori commerciali e costituiscono un serio problema per l’utenza;
  2. 2.      i bagni posizionati all’interno dell’area sono privi di allacciamento alla rete elettrica;
  3. 3.      la recinzione dell’area è in molti punti fatiscente ed arrugginita con la conseguente esposizione a situazioni di pericolo per esercenti ed utenza;
  4. 4.      la parte dell’area prospiciente l’alveo si presenta invasa da rovi mentre la restante parte è invasa da erbacce e rifiuti di varia natura;
  5. 5.      alcuni tombini si presentano privi della copertura;
  6. 6.      infine non sono presenti griglie per la raccolta delle acque reflue degli operatori del settore ittico, fatto questo che limiterebbe l’accesso ai soli operatori in possesso dei mezzi completi di raccoglitori per i reflui. …..”.

 

Considerato che:

 

  • Dal rapporto in premessa ne deriva un quadro dei luoghi senza alcun dubbio di allarmante e perentoria criticità per le problematiche evidenziate, nonchè di inappellabile rischio per la privata e pubblica incolumità e con ciò richiamando quanto accertato nell’elenco di cui sopra (sconnessione del suolo, fatiscenza della recinzione con presenza di diverse soluzioni di continuità, presenza di rovi, erbacce e rifiuti di varia natura in presenza degli alvei, presenza di tombini privi di copertura);

 

  • Si profila pertanto un’ effettiva minaccia per l’incolumità dell’utenza e degli esercenti durante lo svolgimento del mercato settimanale, considerato che non sussistono le necessarie garanzie di sicurezza, ripristinabili solo a seguito del superamento degli inconvenienti rilevati dall’ispezione del Comando di Polizia Municipale  e pertanto solo dopo:
  1. 1.      l’eliminazione delle sconnessioni del suolo dell’area mercatale e che allo stato “… rendono poco agevole il posizionamento dei mezzi degli operatori commerciali…” ;
  2. 2.      il ripristino della recinzione dell’area, “…in molti punti fatiscente ed arrugginita …”;
  3. 3.      l’eliminazione presso l’area prospiciente l’alveo di rovi ed erbacce, nonchè di “…rifiuti di varia natura…”;
  4. 4.      l’apposizione delle coperture dei tombini, ove necessarie, giacchè alcuni di essi “….si presentano privi della copertura…”;

 

  • Altresì  è necessario predisporre le griglie per la raccolta delle acque reflue degli operatori del settore ittico, al fine di non limitare l’accesso all’area di mercato settimanale ai soli esercenti in possesso dei mezzi completi di raccoglitori per i reflui, nonché garantire l’allacciamento alla rete elettrica  dei bagni posizionati all’interno dell’area, che per quanto evidenziato non sono al momento idonei ad assicurare il servizio in forma ottimale;

 

  • Il Sindaco, in qualità di Ufficiale di Governo, esercita il potere di adottare ordinanze on tingibili ed urgenti, ai sensi dell’art. 50 comma 5, d.lgs. 18 agosto 2000 n. 267, laddove sussista una evidente e documentata situazione di pericolo per la pubblica e privata incolumità che non sia altrimenti fronteggiabile attraverso le vie ordinarie previste nell’ordinamento. In particolare è stato specificato che il potere di emanare ordinanze on tingibili ed urgenti è correlato all’urgente necessità di dare risposta immediata a situazioni assolutamente eccezionali;

 

 ATTESO la situazione assolutamente eccezionale emersa e documentata puntualmente dall’accurato rapporto del Comando di Polizia Municipale, non altrimenti fronteggiabile in via ordinaria, a cui fornire urgente risposta;

 

RICHIAMATO che per il superamento delle criticità rilevate sarà d’obbligo assicurare l’attività composita ed integrata di tutti gli Uffici Comunali competenti per materia, che dovranno mettere in corso azioni di varia natura finalizzate a garantire l’efficienza dell’area mercatale  ad oggi seriamente compromessa;

 

ORDINA

 

  1. La sospensione  della fiera settimanale del sabato nell’area mercatale di via S.Sossio in attesa del completo ripristino della medesima per il tempo strettamente necessario e fino a compimento di tutte le azioni e misure a concertarsi per il superamento degli inconvenienti esposti e cioè nello specifico per:
    1. 1.      l’eliminazione delle sconnessioni del suolo dell’area mercatale e che allo stato “… rendono poco agevole il posizionamento dei mezzi degli operatori commerciali…” ;
    2. 2.      il ripristino della recinzione dell’area, “…in molti punti fatiscente ed arrugginita …”;
    3. 3.      l’eliminazione presso l’area prospiciente l’alveo di rovi ed erbacce, nonchè di “…rifiuti di varia natura…”;
    4. 4.      l’apposizione delle coperture dei tombini, ove necessarie, giacchè alcuni di essi “….si presentano privi della copertura…”;
  1. l’allacciamento alla rete elettrica  dei bagni posizionati all’interno dell’area;
  2. la predisposizione di griglie per la raccolta delle acque reflue degli operatori del settore ittico;

 

DA’ ATTO

 

CHE ove mai l’esecuzione  dei lavori per la predisposizione di cui al p.to 6 comportasse tempi oltremodo prolungati e non compatibili con la ragionevole necessità di riprendere le attività mercatali e solo a seguito di tutti gli atti successivi e conseguenti a maturarsi da parte degli uffici coinvolti nelle attività di ripristino, con la  compiuta realizzazione delle opere descritte ai pti 1-5,  l’accesso all’area degli operatori del settore ittico durante il mercato settimanale del sabato sarà esclusivamente consentito agli esercenti in possesso dei mezzi completi di raccoglitori per reflui.

 

D I S P O N E

 

Che copia della presente ordinanza venga notificata oltre che alle rappresentanze sindacali dei mercatali, per competenza  e conoscenza:

  1. Al Comando di locale P.M.;
  2. Alla P.O.4  ;
  3. Alla P.O.3;
  4. Alla P.O.5;
  5. Alla ASL NA/3 SUD Servizio U.O.V.I. DS 51, via Arco, 20, 80048, S. Anastasia ;
  6. Alla ASL NA/3 SUD Servizio U.O.P.C. DS 48, via Pontecitra, Marigliano (NA);
  7. Alla Locale Stazione dei Carabinieri;
  8. Ai Messi per l’affissione all’Albo Pretorio.

 

Dalla Casa Comunale

Il Vicesindaco

Salvatore di Sarno

 

 

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter