Verso le amministrative, ecco cosa sta accadendo nel centrodestra

“In guerra come in amore per venire a termine bisogna avvicinarsi” era solito ripetere Napoleone Bonaparte ai suoi. E l’avvicinamento tra le placche che compongono il centrodestra sommese, presente e futuribile, si stanno lentamente muovendo su un doppio binario: da un lato c’è infatti l’attività amministrativa in corso del governo cittadino guidato da Salvatore Di Sarno. Dall’altro invece c’è quello della costruzione delle future alleanze da parte di chi dovrà poi guidare il paese nel prossimo quinquennio. Ma andiamo con ordine. Sabato pomeriggio Paolo Russo, parlamentare di Forza Italia e Carmine Mocerino, consigliere regionale dell’Udc, sono stati visti insieme per un caffè in noto bar della città. Fatto insolito per certi versi e piuttosto simbolico che ha dato adito a parecchie voci di corridoio arricchite, secondo fonti napoletane, da un pranzo tenuto invece lunedì scorso dallo stesso Mocerino con Domenico De Siano, senatore e coordinatore regionale di Fi. Secondo i più gli incontri potrebbero essere il preludio ad un ricollocamento del consigliere regionale scudocrociato all’interno del partito forzista. Secondo altri invece Mocerino, insieme ai vertici campani dei berluscones, starebbe valutando la costruzione di alleanze territoriali in vista delle prossime amministrative, nell’attesa che si delinei meglio il quadro generale a livello nazionale dove, la scadenza più immediata, oltre alla tenuta del governo sulle riforme, è quella delle europee. Non solo, ma la dirigenza napoletana di Fi starebbe lavorando alla costruzione di uno schema politico territoriale che preveda, almeno in provincia di Napoli, le coalizioni con dentro proprio i forzisti, l’Udc, il Ncd, Fratelli d’Italia ed eventualmente il Nuovo Psi (lì dove presente) di Stefano Caldoro. Lo scenario napoletano dunque diventa fondamentale per comprendere ciò che invece sta accadendo o accadrà a Somma Vesuviana. Ieri intanto c’è stata infatti una riunione dei capigruppo piuttosto accesa. Presenti di fronte a  Salvatore Di Sarno i capigruppo di Forza Somma, Somma Domani, Forza Italia per Somma ed Alleanza per Somma. Assenti invece Lista Cuore, dalla quale sembrerebbe essersi sfilato Antonio Parisi e Noi Sud. Sul tavolo la proposta del sindaco di una verifica, con annesso rimpasto, dell’attuale giunta (nella quale entra Ciro Cimmino a Bilancio). Di Sarno però avrebbe trovato di fronte a sé un muro, che ne starebbe accentuando l’isolamento politico ed amministrativo anche in vista di una sua possibile corsa alla poltrona di primo cittadino a maggio. L’idea infatti sarebbe stata bocciata da tutti i quali hanno invece richiesto un’accelerazione sul programma da realizzare in questi pochi mesi di governo. In particolare è emersa la volontà di portare, entro la metà del mese, nell’aula consiliare di Palazzo Torino la questione dell’abbassamento delle tasse e del taglio della spesa pubblica in attesa della Iuc (l’Imposta Unica Comunale che sostituirebbe la Tares) che potrebbe essere un salasso per i contribuenti sommesi. Ora il tutto andrebbe registrato anche alla luce della nomina, da parte di De Siano, di Vincenzo Piscitelli a “supervisore” delle azioni pre-elettorali di Fi, quest’ultimo vero e proprio grimaldello delle future alleanze politiche nel centrodestra (anche perché nello stesso partito è aperta la discussione con i cosentiniani di Forza Campania che a Somma sono guidati da Paola Raia). Secondo molti infatti lo stesso Piscitelli dovrebbe creare l’humus ideale intorno alla volata di Antonio Granato, attuale consigliere comunale, ed uomo in pole per quanto riguarda l’investitura di prossimo candidato sindaco del centrodestra nella cittadina sommese. Centrodestra che vede la nascita, sul social network Facebook, del contatto del Ncd. Al momento il partito nato dagli “scontenti del Pdl” fa solo proseliti via internet e non si conoscono né i responsabili tantomeno i sostenitori della creatura di Angelino Alfano.

Nato nel 1981, ottima annata, sotto il segno della Bilancia.
Giornalista e blogger alle falde del Vesuvio.

    Seguimi su:
  • facebook
  • twitter